Inciucio: FDI-Battaglia-Merlino per contrastare la Vallelunga. Ma non dicevano mai con la sinistra?

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si apprende attraverso TeleTermini, che anche il Consigliere comunale Merlino si candida in sostegno della Presidente del Consiglio! Ma è la stessa Presidente del Consiglio, Contro la quale Merlino e altri, avevano recentemente presentato un Esposto al Prefetto, all’Assessore regionale e al Segretario comunale, accusando la Presidente del Consiglio di aver gestito l’adunanza del Consiglio comunale in palese violazione dell’art. 57 del regolamento?

Dalla lettura dell’Esposto a mio parere l’Assemblea comunale è stata trasformata in Assemblea condominiale.

Merlino, conosciuto come uomo di sinistra, aveva annunciato la sua candidatura Sindaco nella speranza del sostegno del PD e del M5S, sostegno che in realtà gli fu negato da PD+M5S che scelsero la Candidata Terranova, pertanto a mio parere non trovando il favore del PD + M5S Merlino ha scelto di candidarsi al Consiglio comunale nell’altra sponda, quella che vede proprio la Presidente del Consiglio candidata Sindaco e già sostenuta vergognosamente (a questo punto) da un vero “minestrone” per amor di poltrona… dall’ex Senatore Battaglia e da Fratelli d’Italia, si proprio così, Fratelli d’Italia e Merlino che voleva essere candidato Sindaco per il PD e M5S correranno appassionatamente insieme proponendo la candidatura della Presidente del Consiglio … Insomma non si capisce più niente .. Destra Sinistra sopra sotto diagonale insomma.. Tutto va bene pur di vincere il Comune, ma non certamente per amor di popolo, ma forse più di poltrona…

Raramente si è vista una simile “porcata “elettorale, non avrei mai pensato che Fratelli d’Italia e l’ex Senatore si presentassero al voto insieme con la sinistra Merliniana, se questa è la destra termitana che Dio c’è ne scampi.

A nulla valgono i tentativi di far passare una Persona che voleva candidarsi con il PD per un uomo che rappresenti forze politiche di centro. Merlino si è dichiarato addirittura candidato Sindaco per la loro coalizione e tanto basti, poiché e chiaro e trasparente che voleva rappresentare quell’area di sinistra.

Eppure sembravano chiare le affermazioni della Leader nazionale Meloni quando diceva “Noi mai con la sinistra” ma forse a livello locale Fratelli d’Italia e Battaglia hanno già fatto scorta di antidolorifici per attenuare i “mal di pancia”, come faranno i cittadini di destra a votare un candidato Sindaco che rappresenta anche parte della sinistra? La spina dorsale non appare più così dritta e leale verso l’elettorato, sembra che si sia genuflessa, piegata palesemente all’alleanza con certa sinistra.

A questo punto mi appare chiaro l’intento dell’intera formazione politica che sostiene la Amoroso, nel voler a tutti i costi le poltrone e non il bene della città (nessuno che dice di essere contro la sinistra, in quelle liste ha avuto fino a oggi la coscienza politica di prendere le distanza da Merlino e dalla “grande ammucchiata”), come invece è per la Candidata Sindaco Paola Vallelunga che si presenta al voto con una lista genuina composta da cittadini in numero legale e tale da poter governare il comune e non con un’”orgia politica all’ insegna dell’ammucchiata colorata delle due Candidate Sindaco a me concorrenti “.

Suggerisco alla Presidente del Consiglio, avendo già formato un gruppo nel quale c’è parte della destra (se così si può ancora chiamare) e parte della sinistra (se così ancora si può chiamare) di Termini, di cercare un’intesa anche con la Terranova e Caratozzolo, come dice quel vecchio detto “se non è zuppa è pan bagnato”, almeno se vi riunite tutti sotto il medesimo vessillo, i cittadini sapranno che alla fine l’unica possibilità di cambiare qualcosa sta nel voto alla Vallelunga, una responsabilità questa che grava fortemente sulla coscienza di ogni elettore del comune di Termini Imerese che comunque a breve, sarà chiamato a esprimere una scelta, ovvero, se continuare nel vecchio stile dell inciucio politico per amor di poltrona o se scegliere una persona preparata e capace come la Vallelunga che ha già dimostrato di amare la città..

In sintesi a Termini il “Minestrone è cotto e servito”, venuto a mancare l’ideale politico da una parte, per l’unione di PD e M5S per la Terranova, e dall’altra parte, di Fratelli d’Italia, Battaglia con la sinistra di Merlino alleati per la candidata sindaco Presidente del Consiglio meglio nota come Anna.

Il bene della città può essere rappresentato solo dalla Vallelunga, e con questo scenario politico, non ci sono dubbi ma certezze, se dovessi fare una previsione, la Vallelunga potrebbe anche vincere direttamente senza nemmeno passare dal ballottaggio, come Strata Virdura in una sua memo aveva voluto anticipare (hanno la vista lunga questi ragazzi..).

Ufficio stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter the text from the image below